Il prestito della speranza arriva anche a Prato

Il prestito della speranza arriva anche a Prato

Arriva anche a Prato il «Prestito della Speranza», un progetto nato grazie alla Conferenza episcopale italiana ed al supporto del Gruppo Intesa San Paolo.

Si tratta della più importante esperienza italiana di microcredito realizzato con risorse private rese assolutamente pubbliche e accessibili a chi ha bisogno. Il fondo di garanzia, pari a 25 milioni di euro, è costituito da risorse Cei provenienti dall’8xMille – uno strumento che conferma la propria vocazione solidaristica – affidate a Banca Prossima, dedicata al no profit laico e religioso, che farà da moltiplicatore arrivando così a cento milioni.

Il prestito della speranza arriva anche a Prato

 

Nella Diocesi toscana, come nelle altre aderenti al progetto, è la Caritas a farsi ente promotore e farà da sportello per il credito di tipo sociale, quello rivolto alle famiglie (o a singoli), mentre per il supporto alle imprese il riferimento è il Fondo Santo Stefano.

«Da quando è nato, quattro anni fa, il Prestito della Speranza ha già erogato 26 milioni a 4500 famiglie in tutta Italia – spiega Giovanni Pieraccini, vice direttore della Caritas diocesana e referente del progetto a Prato – è uno strumento ottimo per aiutare le persone a risollevarsi. Si possono rivolgere a noi anche giovani coppie che hanno difficoltà a iniziare un progetto di vita e imprese che hanno bisogno di un aiuto per la start-up», sottolinea ancora Pieraccini. Il prestito si articola dunque in due distinte forme di credito:

  • La prima è quella sociale, destinata a famiglie, per un massimo di 7500 euro, con un finanziamento erogato in 6 rate bimestrali di 1250 euro come forma di sostegno al reddito. Come detto, il riferimento è la Caritas, con un Centro d’ascolto appositamente dedicato, a cui si accede, previo appuntamento, il giovedì dalle 15 alle 17 in via del Seminario, 36 (caritas diocesiprato.it; 0574-34047, 32858).
  • La seconda tipologia di credito invece si chiama «fare impresa», ed è destinata alle microimprese a bassa capitalizzazione o di nuova costruzione, con un prestito erogato in un’unica soluzione dell’importo massimo di 25mila euro. Con una particolare attenzione agli under 40. Qui il riferimento sul territorio è il Fondo Santo Stefano al quale si potrà chiedere il finanziamento.

Il prestito della speranza arriva anche a Prato

«Il nostro compito – afferma Maurizio Nardi, presidente del Fss – è quello di accompagnare gli imprenditori, soprattutto se giovani e inesperti, nel loro percorso economico. Già quindici persone hanno manifestato interesse per questo prestito, per promuovere attività tessili, alimentari, agricole, commerciali. Siamo speranzosi che l’iniziativa possa veramente rappresentare una partenza per molti».

Negli ultimi quattro anni grazie al Fondo Santo Stefano, che attinge anche ad altre possibilità di finanziamento, sono nate 62 nuove imprese e 6 sono prossime alla delibera.

Questi i contatti del Fss: microcreditosantostefano fondazionecrprato.it; 331-3321347.

I tassi applicati ai due prestiti sono fissi e pari al 2,50% per quelli erogati alle famiglie, con una rata mensile indicativa di 138 euro e al 4,60% per le microimprese, con una rata mensile che si aggira sui 468 euro.

La durata del prestito è di 6 anni, con un primo anno di preammortamento. Cioè i primi dodici mesi dall’erogazione non si dovrà pagare alcuna rata.

«Questo progetto rappresenta un’opportunità in cui il nostro istituto crede molto», dice Alberto Ammannati, capo area della Cassa di Risparmio di Firenze, banca del Gruppo Intesa San Paolo. Il primo step della richiesta saranno gli sportelli Caritas e Fss, poi la sostenibilità del credito sarà valutata dall’associazione Vobis, composta da ex bancari in pensione impegnati nel promuovere progetti sociali, e dalla banca erogante. L’impegno è che entro un mese si potrà avere una risposta.

Articolo scritto da Redazione PinkItalia

pinkitaliafooter

Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di PINKITALIA  sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License. Ulteriori permessi possono essere richiesti contattando  redazionepinkitalia@gmail.com

Pinkitalia.it
Trattamento dati: Paola Guerci.
La firma degli articoli non dà diritto ad alcuna remunerazione, né vincola a qualsiasi rapporto di prestazione giornalistica che non sia espressamente regolamentato da apposito contratto.
I materiali inviati non verranno restituiti.
Alcune delle immagini riprodotte o rielaborate per la pubblicazione sono reperite da internet o comunque da fonte liberamente accessibile e sono considerate di pubblico dominio (l. 41/633 art. 90) salvo diversa indicazione espressa. Qualora la loro presenza su questo sito violasse eventuali diritti d’autore, gli interessati o gli aventi diritto possono comunicare le loro osservazioni in merito alla pubblicazione delle immagini scrivendo a redazione@pinkitalia.it, che valuterà le richieste e l’opportunità di rimuovere le immagini pubblicate nel pieno rispetto delle normative vigenti.
La redazione si riserva la facoltà di modificare, secondo le esigenze e senza alterarne la sostanza, gli scritti a sua disposizione. Le opinioni espresse nei commenti non implicano alcuna responsabilità da parte di Pinkitalia.it

Privacy Policy

Web Developer Fabio Folgori